Notizie dalla parrocchia

19 giugno 2020. Quella sera noi ragazzi del Noviziato Fenice ci siamo ritrovati, davanti alla Chiesa del nostro paesino, pronti per affrontare la cerimonia che ci avrebbe portati, a fine serata, a far ufficialmente parte del Clan dei Viaggiatori Liberi. Il sentimento comune che avevamo era la preoccupazione, derivante dal fatto che nessuno sapeva cosa o come e dove avremo fatto il passaggio.

La felicità è tutto per noi esseri umani, ognuno la vede a modo suo e la vive come meglio crede. La vera felicità non la puoi comprare, non la puoi trovare nell'immediato, ma ti viene donata dagli altri per il tuo modo d'essere, attraverso dei momenti che non potrai scordare.

Papa alza l'ostia durante la consacrazione

Due indicazioni per domenica 14 giugno:

  • non ci sarà la processione, si è pensato di dare la possibilità, all'interno della santa messa, di dedicare 5 minuti di Adorazione Eucaristica: un'occasione per affidare a Dio la nostra vita, quella dei nostri cari e le problematicità del mondo intero
  • in questa festa, ricorderemo i defunti per i quali nel periodo del “lock-down” non si è potuto celebrare il funerale: Mazzonetto Tarcisio, Gallo Renzo, Pellis Elisa, Scola Laura, Camporese Annalisa, Brunato Milena, Scoizzato Cirillo, Ruffato Susy, Piotto Francesca, Soffia Renato.

È in preparazione il nuovo bollettino parrocchiale con una novità importante: da questo numero il bollettino sarà di tutte e due le parrocchie!

I contributi potranno essere inviatientro il 28 giugno all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mani che si incontrano per aiutarsi

Il sabato dalle 16.00 alle 18.00, previo appuntamento telefonico tramite il numero 338 7736704, riapre il centro di ascolto. Nel frattempo, continua il servizio di distribuzione delle borse spesa alle famiglie bisognose di aiuto.

Facciata dell'Infanzia "Wollemborg" con le impalcature per i lavori

Come preannunciato nel Bollettino Parrocchiale n. 3/2019, il 1° giugno sono iniziati i lavori di restauro del tetto della Scuola Materna.

I lavori erano programmati da tempo e sono motivati dalla esigenza di migliorare la struttura dell’immobile sotto l’aspetto sismico e di rendere la Scuola più sicura ed accogliente. Il tetto è la parte dell’edificio che presenta le maggiori criticità e nel corso degli anni è stato oggetto di interventi di consolidamento strutturale e di restauro della copertura.

Pagina 3 di 38